Asterix

I cinghiali sono il passatempo preferito dei Galli, insieme a menare i Romani. Difatti Asterix e Obelix si recano quotidianamente nella foresta che circonda il villaggio per andare a caccia di cinghiali. Questi ormai conoscono e temono i Galli, tanto da aver sviluppato una raffinata tecnica per sfuggire dalle loro grinfie: «Basta portare i Galli davanti a una pattuglia romana: tra i due litiganti, il cinghiale code di un po' di tranquillità.» - asserisce un cinghiale ne "L'Odissea di Asterix".

Deve essere davvero considerevole la popolazione di cinghiali nella foresta, se si pensa che solo nel banchetto finale di ogni avventura ne vengono divorati almeno trenta.
I nostri eroi preferiscono cucinarlo allo spiedo, ma non lo disdegnano quello alla crema dei Normanni (Asterix e i Normanni), il cinghiale al vino degli Arverni (Lo scudo degli arverni), e tutte le ricette dei Belgi (Asterix e i Belgi); sembrano apprezzare di meno il cinghiale bollito con salsa alla menta che assaggiano in un'osteria britannica (Asterix e i Britanni).
Per i Galli, i cinghiali non sono solo del semplice cibo, ma anche merce da vendere (Asterix e il paiolo), elemento principale di una dieta per sportivi (
Asterix alle Olimpiadi), e andare a caccia di cinghiali può anche essere un mestiere molto remunerativo (La Obelix SpA).


Il significato del nome

Etimologia della parola: il vocabolo cinghiale è raccostato a cinghia, per la fascia di setole giallastre che ha intorno al collo; cinghia viene a suua volta dal latino 'cingula', cintura.
Il nome scientifico è singularis porcus. I Romani lo chiamavano aper.

Il loro ruolo
Cibo preferito dei Galli.

Le loro principali apparizioni
- Ne "L'odissea di Asterix" viene riservato un posto d'onore ai cinghiali, che aprono la storia con due tavole loro interamente dedicate.

I loro viaggi
Seguono i Galli in Grecia in "Asterix alle Olimpiadi" e hanno il privilegio di asssistere ai Giochi Olimpici.

Curiosità
Contrariamente a una tenace credenza, rafforzata proprio dalle avventure di Asterix, i veri Galli mangiavano ben poco cinghiale. Si nutrivano di ortaggi, di animali d'allevamento e forse della pesca.

Visti dai Galli
Asterix
- «I cinghiali sono come i Romani: sono di tutti! » (
La Obelix SpA, p.22).
Obelix
- «Singularis porcus: mammifero pachiderma ongulato degli artiodattili. È molto diffuso in Gallia ed è buono da morire.» «Mangiar carne è un piacere: Se non è cinghiale che piacere è?» (L'Odissea di Asterix, p.30)