1972

 

Omeopatix, il ricco fratello di Beniamina, ha invitato la sorella e il marito a pranzo: fa servire elaborate e raffinate pietanze, e fa antipaticamente notare al cognato che lui non puo permettersi quei costosissimi piatti. Abraracourcix, ubriaco, ribatte con fierezza che lui ha la gloria di essere il capo dell'unico villaggio gallico non ancora sottomesso dai Romani, e per dimostrargli che la gloria vale più dei soldi lo invita al villaggio a mangiare un cinghiale al ragù aromatizzato con gli allori di Giulio Cesare. Chi sarà a cercare di sottrarre la corona di alloro che cinge il glorioso capo di Giulio Cesare? Naturalmente, Asterix e Obelix.

OMEOPATIX è il borioso fratello di Beniamina, ricco mercante di Lutezia. E' in odio con Abraracourcix.

TIFUS è il più rinomato mercante di schiavi di Roma, fornitore Giulio Cesare.

STAZIONDEFREJUS è uno schiavo veterano di Chiunquefus che teme di perdere i suoi privilegi con i "gingilli" di Tifus. Determinante per la conclusione della storia.

CLAUDIUS CHIUNQUEFUS è un patrizio romano che compra da Tifus i nostri amici, come schiavi di lusso.

HABEASCORPUS è il più pericoloso brigante di Roma.

ALPAGA è la moglie di Chiunquefus.

TIBIA è la figlia di Chiunquefus.

GRACCHUS (detto Imbecille) è il figlio di Chiunquefus, che ama fare orge con gli amici.

GALANTINA
è la moglie di Omeopatix.

TITUS RESIDUS è l' avvocato di Asterix e Obelix al processo che li vede imputati per aver attentato alla vita di Cesare.